Wiki

Zecche in montagna come difendersi?

Zecche in montagna come difendersi in modo efficace?

Sono piccoli, poco visibili e diffusi in tutto il mondo, stiamo parlando delle zecche. Quando si è in giro in natura, specialmente nelle foreste delle montagne e nell’erba alta fino alle ginocchia durante i mesi estivi, c’è una buona possibilità che una si attacchi a noi mentre passiamo. Perché ai piccoli animali simili ad acari piace il nostro sangue.

La cosa fastidiosa è che le punture di zecca non sono solo sgradevoli, ma associati a rischi per la salute. La saliva delle zecche può trasmettere una serie di malattie. Alcuni possono essere trattati bene, altri meno. Quindi si applica una strategia per evitarle il più efficace possibile. In questo articolo vi diamo alcuni consigli sulla prevenzione. Se dovesse succedere, potete leggere di seguito cosa fare in caso di una puntura da parte di una zecca.

zecca da vicino

Proteggersi dalle punture di zecca durante le escursioni in montagna – i miei consigli

  1. Indossare abiti aderenti: in relazione alla protezione dalle zecche spesso si indossano abiti troppo lunghi, invece, gli abiti aderenti o stretti sono decisamente migliori. La protezione dalle zecche è anche un motivo portare dei leggings, (vale per il sesso femminile). Le zecche si spazzano via principalmente dalle gambe, e se queste sono dotate di leggings e calze da trekking aderenti, la zecca trova poca superficie da attaccarsi, a seconda della lunghezza dei leggings.
  2. Controllo frequente anche durante il trekking: specialmente dopo tratti attraverso l’erba alta o il sottobosco, di solito scruto personalmente e immediatamente il mio corpo e soprattutto le mie gambe alla ricerca di zecche. Si tratta di una strategia molto efficace e ancora la migliore per evitare i morsi delle zecche e le infezioni secondarie. È vantaggioso vestirsi con abiti chiari su cui le zecche sono facilmente visibili. Tuttavia, trovo che siano relativamente facili da individuare anche su abiti scuri, poiché sono sempre in movimento alla ricerca di un luogo adatto per la loro puntura.
    Le zecche sono estremamente piccole e passano il tempo a muoversi intorno al corpo e ai vestiti prima di trovare il punto giusto per mordere e iniziare a succhiare il sangue. Preferiscono luoghi caldi e sottili sulla pelle. Per questo motivo, presta particolare attenzione all’incavo sotto il ginocchio, intorno all’addome e ai seni, e all’inguine. Nei bambini, la testa, l’attaccatura dei capelli e il collo devono essere controllati attentamente.
zecche in montagna
Fare attenzione alle zecche anche durante il trekking in montagna
  1. Usare un repellente per insetti: gli spray anti-insetto possono anche aiutare a ridurre il rischio di morsi di zecca e sono un semplice mezzo di prevenzione. Dovresti assicurarti di avere lo spray nello zaino da tzrekking e rinnovarlo regolarmente (segui le istruzioni della confezione), soprattutto quando fa caldo e si suda molto. Applicando un repellente per insetti sulla pelle, non solo tiene lontane le zanzare, ma respinge in qualche misura anche le zecche.

Ultimo aggiornamento 2021-04-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

  1. Evitare l’erba alta e il sottobosco: come accennato in precedenza, contrariamente alle voci persistenti, le zecche non cadono dagli alberi, ma possono essere trascinate dall’erba e dal sottobosco. Quindi uno dei modi più efficaci per evitare i morsi di zecca è quello di evitare la vegetazione fitta e rimanere sui sentieri, anche se naturalmente questo non è sempre possibile o desiderabile quando si fa trekking.
  2. Vaccinazione TBE: oltre all’abbigliamento appropriato, l’uso di repellenti e un attento esame del corpo dopo le passeggiate, vale la pena pensare alla vaccinazione contro la TBE, che è raccomandata per le persone che vivono o viaggiano in zone con un rischio aumentato del virus della TBE e per le persone che trascorrono il loro tempo libero fuori città. Il rischio di contrarre la malattia deriva dal fatto di vivere in una regione dove le zecche infettate dal virus dell’encefalite da zecche sono presenti nell’ambiente.

Ricordatevi di coprire adeguatamente il vostro corpo, cioè pantaloni lunghi, una camicetta con le maniche, un berretto o un cappello in testa. È meglio se i tuoi vestiti sono di colore chiaro. Non perché le zecche non amano i colori brillanti, ma per renderle più facili da individuare.

Come comportarsi se una zecca ci ha morso?

Nonostante tutte le precauzioni, può succedere che si diventi vittima di una puntura di zecche. È importante agire il più rapidamente possibile, in altre parole, rimuovere la zecca. Il modo migliore per farlo è con pinzette metalliche appuntite o pinze speciali per zecche. Lo strumento più adatto per rimuovere la zecca dipende dalla dimensione del parassita.

Le pinze per zecche, per esempio, sono efficaci solo quando la zecca raggiunge una certa dimensione. Ciò che è utile in ogni caso, tuttavia di conservare le pinze o le pinzette nel congelatore. Attraverso il contatto con la superficie fredda, la zecca si contrae automaticamente ed è quindi più facile da afferrare. È importante afferrare la zecca il più vicino possibile alla testa ed estrarla con attenzione.

Fate attenzione a non spremere la zecca, altrimenti spremete i batteri e i virus dalla zecca come un limone direttamente nel vostro corpo. In seguito dovreste disinfettare la parte del corpo colpita e non gettare semplicemente la zecca, ma ucciderla con alcol ad alta gradazione. I possibili sintomi che indicano una malattia legata alla puntura di zecca possono comparire diverse settimane dopo.

I possibili indizi includono condizioni simili all’influenza, come dolori articolari, febbre e stanchezza insolita. Il rossore errante, l’irritazione della pelle sotto forma di un anello rosso intorno al sito del morso, può essere un segno della possibile malattia di Lyme, una delle più comuni malattie trasmesse dalle zecche. Inoltre, se il sito della puntura è molto gonfio, doloroso e pulsante, c’è il sospetto di una possibile malattia. In questi casi, è consigliabile consultare un medico il più presto possibile.

Come rimuovere una zecca in modo corretto?

Un consiglio più importante fin dall’inizio: una zecca non deve essere girata né a sinistra né a destra e nemmeno cosparsa di olio o altri prodotti. Questo non fa che stressare la zecca inutilmente, facendole secernere più saliva e quindi potenziali agenti patogeni.

Il modo migliore per rimuovere una zecca è usare una pinzetta curva e appuntita nella parte anteriore. Come ad esempio una pinzetta cosmetica, che è facile da sistemare. Con questi utensili, si afferra la zecca il più avanti possibile sulla pelle e la si tira fuori lentamente e dritto, preferibilmente senza comprimere il suo corpo durante il processo. Anche una carta di credito è efficace, perché si può semplicemente farle scorrere lungo la pelle sotto la carta di credito e poi tirarla fuori.

Ultimo aggiornamento 2021-04-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

A proposito, se parti della zecca rimangono dentro la pelle, non è un gran problema, cadranno presto da sole. Questo può portare a piccole infiammazioni della pelle, ma non comporta alcun ulteriore rischio di infezione.  Indipendentemente da questo, se si ha un prodotto disiffentante adatto a portata di mano è possibile disinfettare il sito di puntura dopo aver rimosso la zecca.

Fondamentalmente si dovrebbe rimuovere la zecca il più presto possibile per mantenere il rischio di infezione con la malattia di Lyme il più basso possibile. Perciò non è consigliabile aspettare il giorno dopo e far toglierla da un medico. Rimuovere le zecche non è difficile e finché si segue la procedura descritta sopra.

Come rimuovere una zecca passo dopo passo con una pinzetta?

  1. Afferrare saldamente la zecca con una pinzetta il più vicino possibile alla pelle.
  2. Tirarla fuori dolcemente e fermamente lungo l’asse della puntura, assicurarsi di rimuovere completamente il parassita con la testa!
  3. Dopo aver rimosso la zecca, disinfettare la pelle e lavarsi le mani in acqua con sapone antibatterico.
  4. Dopo la rimozione della zecca osservare il sito sulla pelle per 30 giorni.
  5. In caso di lesioni cutanee, la cosiddetto “l’eritema migrante”, altre lesioni cutanee o febbre > 38 °C contattare immediatamente il medico

Anche in caso di dubbio, contattate immediatamente il vostro medico!

Come posso rimuovere la testa della zecca se si stacca?

Se la testa della zecca o un frammento più grande della zecca rimane nel corpo, cerca di rimuoverlo con una pinzetta (nella stessa maniera della zecca). Può anche essere rimossa con un ago sterile, come si fa anche con le schegge. Tuttavia, se non riuscite a rimuoverla nonostante i tentativi, dovreste consultare un medico.

Se solo piccoli resti sono visibili dopo la rimozione della zecca, è sufficiente lavare la pelle con sapone e disinfettare la ferita. Non è necessario andare dal medico. Solo la parte più grande della zecca che rimane nel corpo (la testa o un frammento più grande) è un rischio, perché può potenzialmente aumentare il rischio di infezione.

Cosa non fare quando si rimuove una zecca?

  • Non prendere mai la zecca dal suo addome gonfio, perché c’è il rischio di spremere il liquido infetto nel tuo corpo.
  • Non torcere mai la zecca perché la sua testa rimane nel tuo corpo.
  • Non cercare di soffocare la zecca con vaselina, smalto per unghie, benzina o alcol. Questo provocherà solo il vomito della zecca e aumenterà il rischio di infezione.
  • Non rimuovere mai la zecca a mani nude, con tagliaunghie, ecc. In questo modo si rimuove solo l’addome e la testa e il corpo della zecca rimangono nella pelle, il che può avere conseguenze pericolose per la tua salute:

Non rimuovere mai la zecca a mani nude o con tagliaunghie!

Trattamento e osservazione dopo la rimozione della zecca

Dopo aver rimosso la zecca dobbiamo osservare per un mese la parte di pelle che è stata punta. Dopo questo tempo può verificarsi:

  • La cosiddetta eritema migrante, che di solito appare da 3-30 giorni dopo il morso della zecca. L’eritema migrante è di solito il primo sintomo di una delle malattie trasmesse dalle zecche, la borreliosi. All’inizio, l’eritema appare come una macchia rossa che si ingrandisce rapidamente. Tuttavia, è importante sapere che in più della metà dei casi la reazione cutanea è assente.
  • Il rischio di contrarre la malattia di Lyme è basso se la zecca è stata rimossa entro 24-36 ore.
  • Febbre e sintomi simili all’influenza (forte mal di testa, dolori muscolari e articolari, tosse), che possono essere sintomi di anaplasmosi, meno comunemente di encefalite da zecca

Dopo aver sperimentato questi sintomi, consulta un medico il più presto possibile.

Proteggere i bambini dalle zecche

I bambini sono molto più vulnerabili ai morsi di zecca a causa della loro curiosità. Tuttavia, nonostante il decorso più lieve della malattia nei bambini (circa due terzi dei pazienti adulti con TBE richiedono un trattamento ospedaliero, mentre solo la metà dei bambini lo fa), gli effetti possono essere di lunga durata a causa del sistema nervoso ancora in sviluppo. In estate, ai bambini piace correre e giocare nei campi e nelle foreste e costruire case sugli alberi in giardino. Anche i campi da gioco non sono esenti da zecche, soprattutto vicino alla natura. La vaccinazione dei bambini può proteggerli contro la TBE, ed è ben tollerata e disponibile a partire da 1 anno di età.

Domande e risposte

Sono stato morso da una zecca. Devo andare dal medico?

Andare dal medico se si verificano sintomi simili all'influenza come letargia, febbre o mal di testa. Consultare immediatamente un medico se si nota un eritema circolare che appare intorno al sito del morso. Questo può significare che sei stato infettato dai nei di Lyme Fai attenzione! Possono passare tre settimane o più prima che i sintomi dell'infezione diventino evidenti. Per questo motivo, è necessario essere consapevoli della possibilità che i sintomi possano comparire ancora per molto tempo.

In che periodo dell'anno sono più attivi le zecche?

Le zecche sono attive a partire da 7 a 10 gradi centigradi. In Italia, la stagione principale delle zecche inizia di solito in primavera e finisce nel tardo autunno. Tuttavia, negli anni in cui gli inverni sono più miti, la stagione può iniziare a gennaio e durare fino a dicembre, cioè tutto l'anno.

Come faccio a sapere se la zecca che mi ha morso era infetta?

Il segno più noto di infezione che appare dopo un morso di zecca è un eritema circolare che appare intorno al sito del morso (eritema migrante). Questo è un tipico segno che sei stato infettato dai nei di Lyme. Inoltre, ci sono anche sintomi generali che indicano l'infezione: i pazienti lamentano sintomi simili all'influenza come sonnolenza, febbre, mal di testa e difficoltà di concentrazione.

Dove vivono le zecche?

Le zecche si trovano in tutta Europa. Preferiscono vivere ai margini delle foreste, dei boschi e delle radure, ma anche nei parchi e nei giardini urbani. Spesso scelgono sentieri e percorsi utilizzati da animali e persone.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button