DestinazioniEuropa

Trekking in Georgia

Trekking in Georgia Caucaso

Trekking in Georgia, non ci sono molti luoghi al mondo in cui si possa scoprire una tale ricchezza naturale, culturale e storica. E anche anche se la costa del Mar Nero non è una delle più famose al mondo, il Caucaso e la Georgia, con la sua diversità, la bellezza paesaggistica e la cultura della sua gente, sono tra le montagne che meritano sicuramente una visita. Facendo trekking in Georgia, vi troverete su alcuni dei sentieri escursionistici più incontaminati d’Europa e probabilmente vivrete l’ospitalità e la bellezza su uno dei più alti villaggi (Ushguli 2200 m) abitati in modo permanente in Europa.

Lontano dalle grandi masse turistiche si gode di originalità e tranquillità. Spettacolari monumenti culturali, la vivace capitale del paese caucasica (Tblisi) e paesaggi montani unici ti aspettano in escursioni ecologiche e culturali. Anche nell’entroterra sperduto si incontrano ripetutamente edifici storici. Tra panorami mozzafiato e un bicchiere di vino rosso georgiano potete staccare per qualche istante la spina.

Escursione a Ushguli e l’alta Svanezia

La Georgia è divisa in diverse regioni, una delle quali è Svanezia una regione storica che si trova nel nordovest del paese. Essa è suddivisa in due parti l’Altra Svanezia e la Bassa Svanezia. L’Alta Svanezia è separata dalla Russia dalla potente catena montuosa del Caucaso principale e dall’altra parte dai Monti Svaneti inferiori. L’Alta Svanezia è stata per molti anni una regione isolata e selvaggia. La strada per il villaggio di Ushguli non fu costruita fino al 1953. Si tratta di una regione naturale unica, con abitanti di montagna che, a causa della loro lontananza, sono stati sottratti all’influenza orientale o occidentale.

Trekking in Georgia Caucaso
Ushguli e l’alta Svanezia

Dal punto di vista tecnico, questa escursione può essere descritta come una passeggiata tranquilla. Ma dal punto di vista emotivo, è molto diversa. L’Alta Svanezia è un angolo selvaggio della Georgia, dove la vita e la cultura morale del Medioevo sono ancora molto in evidenza. Questa è naturalmente la regione del Caucaso con le sue montagne selvagge e gli insediamenti sperduti.

In questa campagna con panorami pittoreschi sono solo l’inizio di ciò che la regione ha da offrire in termini di diversità. Vecchie torri del XII secolo e case di pietra, slitte, mucche sono all’ordine del giorno. La caratteristica ospitalità tipicamente geoorgiana e le secolari tradizioni del cristianesimo sorprenderanno tutti in questa escursione. Piccole chiese di pietra con icone dorate, torri ancestrali, pascoli di montagna e cime innevate circondano e modellano questo paese da secoli.

Ushguli e le sue le sue torri fortificate

Una breve introduzione su Ushguli. Ushguli è famosa per le sue torri fortificate, dal 1996 patrimonio mondiale dell’UNESCO. Uschguli si trova tra i 2086 e i 2200 metri sul livello del mare ed è uno dei villaggi più alti d’Europa. Il villaggio è in realtà costituito da quattro piccoli borghi e si presenta come un museo abitato all’aria aperto, dove la vita quotidiana dall’aspetto medievale scandisce il ritmo. Il nome significa: cuore coraggioso. Qui vivono circa 80 famiglie, che hanno bisogno di audacia, soprattutto d’inverno.

I primi due villaggi Murkmeli e Chazhachi vengono frequentati solo da escursionisti, turisti giornalieri e ospiti notturni. Propongono bellissime torri fortificate e piccole chiese, ma non dispongono di alloggi. La destinazione per tutti è l’ultimo villaggio Chvibiani in fondo alla valle, che è ormai diventato un centro turistico. C’è un villaggio inferiore e un villaggio superiore, a pochi metri di distanza l’uno dall’altro.

Salita a Kasbek dal lato georgiano

Arrampicate a Kazbek con guide professionali per rendere la salita sicura e interessante. Il programma di arrampicata è abbastanza semplice e non sono richieste particolari abilità di arrampicata.
Kazbek è una delle cime più famose della Georgia, la sua altezza è di 5033 metri e molti turisti provenienti da diverse parti del mondo sognano di conquistare questo bellissimo traguardo. Kazbek, proprio come l’Elbrus, un antico vulcano, è una vetta leggendaria con bellissimi panorami e antiche leggende.
Se appartenete a coloro che sono pronti a realizzare i vostri sogni, allora questo è il posto giusto. Per la salita sul Kazbek si sceglie di solito il sentiero tradizionale.

Kasbek Georgia
Kasbek Georgia

Tecnicamente, la montagna non è complicata, quindi chiunque abbia una forma fisica del tutto normale può raggiungere la vetta. Il Kazbek è a 5000 m e solo 609 metri più basso dell’Elbrus, ma i panorami in questo caso sono certamente ancora più interessanti. Il Kazbek è un traguardo interessante sia per i principianti che per i professionisti.
Durante questa escursione potrete acquisire utili esperienze altitudinali e tecniche, conoscenze di base dell’alpinismo, godervi la cultura e le bellezze della Georgia.

Escursioni in Georgia “Borjomi Charagauli National Park

Il Parco Nazionale Borjomi Charagauli si trova nella Georgia centrale e fa parte del Piccolo Caucaso. Con i suoi oltre 76.000 ettari di foresta e di pascoli alpini e subalpini, il parco è uno dei più grandi d’Europa.

Una rete di sentieri escursionistici invita a scoprire la diversità della natura con le sue rare specie animali e vegetali. Oltre alla bellezza incontaminata del parco nazionale, troverete la leggendaria ospitalità georgiana nei villaggi circostanti, alcuni dei quali sembrano medievali.

Georgia Caucaso

Borjomi è una piccola città molto accogliente. Si può raggiungere da Tbilisi o Akhaltsikhe. Di grande interesse è anche la linea ferroviaria dal profilo stretto, che la gente la definisce già “a cucù” – Borjomi-Bakuriani. Un trenino, composto da un trattore e due carrozze, impiega tre ore per risalire il versante attraverso la fitta e antica foresta. Attraversa abissi e conquista senza alcun timore le altezze. Bambini e adulti possono entrambi godere il viaggio. Il viaggio da Tbilisi a Borjomi è agevole e dura circa 2 ore e mezza di macchina

Se avete in programma un’escursione nel parco nazionale, dovreste fare almeno un tour di 2 giorni. Perché solo dopo una lunga e faticosa salita attraverso le foreste sarete ricompensati da una magnifica vista fino al Grande Caucaso. Poiché non ci sono villaggi, dovrete preparare il cibo. Potete passare la notte in una delle baite non sorvegliate e dovete portare il vostro sacco a pelo e la vostra tenda.

I Sentieri più noti nel Parco Nazionale Borjomi Charagauli

  • Sentiero Romanov:  da Likani (regione Borjomi) per arrivare a Marelisi
    Sono necessari due pernottamenti. Lunghezza del percorso: 39-41 KM
    Durata: Giorno : ca 5 ore,  secondo giorno – circa 6,5 ore,  terzo giorno 2 ore.
  • Sentiero di Andrias: da Atskuri (Regione Borjomi) a Marelisi, Si snoda sul punto più alto del Parco Nazionale. Monte Sameckhvario (2642 m) da 2 a 3 pernottamenti necessari.
    Lunghezza del percorso: 49-51 Km
    Durata: giorno 1: ca 6 ore. giorno 2: ca. 4,5 ore
  • Passo Zekari: da Abastumani a Didmagala.
    Lunghezza del sentiero: 9-10 Km
    Tempo di percorrenza: 4-4,5 ore
  • Sentiero di Nakvalevi: Escursione di un giorno, lunghezza del sentiero: 12-13 Km, tempo di percorrenza: 6ore
  • Valle di Megruki: escursione di un giorno. Tour da “Didi Sakhvlari” attraverso la valle di “Megruki”. Lunghezza del percorso: 5,5 KM, tempo di percorrenza: ca. 3 ore
  • Sentiero panoramico: da Atskuri (regione Borjomi) a Marelisi, attraversa il punto più alto del Parco Nazionale. Monte Sameckhvari (2642 m), difficile non per principianti, sono necessari da 2 a 3 pernottamenti, lunghezza del sentiero : 34 Km, tempo di percorrenza: giorno 1: ca 6 ore,  giorno 2 – ca. 6 ore.

Kutaisi e il Canyon Okatse con il sentiero galleggiante

Canyon Okatse GeorgiaUno dei punti salienti di Kutaisi è sicuramente il Canyon Okatse. Momenti salienti del sentiero circolare di 7 km di lunghezza è il sentiero galleggiante di 1,2 km. Subito dopo la caduta del canyon è stata costruita una stretta passerella e una piattaforma panoramica con pilastri di legno. Questa escursione non è raccomandata per le persone che soffrono di vertigini, ma per tutti gli altri è sicuramente un’avventura da non perdere.

Complessivamente, con qualche pausa fotografica, occorrono 2,5 ore e mezza per l’escursione circolare. Se avete meno tempo a disposizione, potete prendere una jeep con un piccolo supplemento per raggiungere direttamente il tratto galleggiante. C’è un sentiero che porta direttamente alla cascata, ma è a pagamento.

Se si cammina fino alla fine della piattaforma panoramica, si vede una cascata alta 75 metri che precipita lungo la ripida parete del canyon e allo stesso tempo si può vedere un’altra grande cascata dall’alto.

Da Kutaisi si può anche fare un’escursione verso Tenuldi. Tetnuldi significa “Regina delle nevi“. Va notato che questo nome caratterizza pienamente la montagna. Per scalarlo rientra nella categoria difficile e richiede un po’ di esperienza, determinazione e coraggio. La montagna si trova lontano dalla catena montuosa principale, è circondata da diversi villaggi, il che facilita l’accesso e l’avvicinamento a Tetnuldi. La salita della vetta è incredibilmente panoramica e con una forma fisica media e le prime abilità dell’alpinismo è possibile di cercare a conquistare la vetta.

Spese di viaggio e costi sul posto

Il prezzo per un volo di andata e ritorno per la Georgia è di circa 200-400 Euro, un po’ di più per i voli diretti. Chi non ha prenotato un volo diretto può anche concedersi un po’ di relax. Cambiare volo a Istanbul è semplice e di routine. Il personale di bordo e quello dell’aeroporto parlano quasi sempre inglese.

Georgia Ushguli

Inoltre la Georgia è considerata una destinazione turistica molto economica ed è paragonabile in termini di prezzo a paesi come il Vietnam o la Thailandia. Per le camere d’albergo e pensione completa si dovrebbe prevedere un costo di circa 30 €. L’alloggio nelle zone rurali è generalmente più economico e anche i trasporti pubblici e i biglietti d’ingresso sono molto ragionevoli. Le auto a noleggio costano relativamente molto, quindi bisogna fare i conti con circa 50 € al giorno, per i fuoristrada anche almeno 150 €.

Serve un visto per la Georgia?

Per l’ingresso e il soggiorno fino ad un anno non è necessario il visto come cittadino italiano, ma solo il passaporto o la carta d’identità, che ha una validità di almeno 3 mesi al momento della visita.

Periodo migliore per il trekking in Georgia

Il periodo migliore per fare escursioni in Georgia è tra aprile e ottobre. Tuttavia, è possibile visitare la Georgia durante tutto l’anno. Nei mesi invernali, ad esempio, è ipotizzabile una vacanza invernale nelle regioni montuose.Il paese è caratterizzato da forti contrasti climatici.

È divisa in tre diverse zone climatiche:

  • clima da subtropicale a mediterraneo sulla costa del Mar Nero
  • clima continentale ad est dei monti Surami
  • e clima alpino nelle regioni montuose. Tuttavia, le catene montuose e il Mar Nero proteggono il paese da periodi di caldo e freddo estremi.

Qual è il modo migliore per raggiungere la Georgia?

Il modo più semplice è naturalmente quello di viaggiare in aereo. Bologna e Milano sono le città italiane che volano a Tbilisi con voli diretti. Nel caso delle altre città italiane, invece, c’è un volo con scalo, di solito a Istanbul. Le compagnie aeree principali che volano a Tbilisi dall’Italia sono Ryanair, Wizzair e Georgian Airways, che offrono voli diretti da alcune città italiane, ma ci sono anche compagnie aeree turche come Pegasus e Turkish Airlines che volano quotidianamente a Tbilisi via Istanbul.

Trekking in Georgia perché dovresti andarci?

La combinazione di tutte le caratteristiche e qualità delle diverse regioni geografiche e socio-culturali crea una Georgia unica, dove le storie leggendarie si svolgono sullo sfondo di incantevoli bellezze naturali e dove la gente vive con una mente ampia e aperta, che è almeno due terzi del fascino di questa regione.

Poi non solo montagna, c’è molto da vedere e da guardare. Spiagge a Batumi e nelle zone costiere. Sembra che il Mar Nero sia lo stesso come in Ucraina e in Russia, ma la differenza in Georgia si nota. Anche  perché le spiagge georgiane sono situati sul lato più meridionale del mare e qui c’è molto più sole.

E inoltre lo spirito del Medioevo con le selle di legno, le slitte, le zampe e le anime alpine vi è ancora presente per la difficile accessibilità. Il tutto è accompagnato da una vista mozzafiato sulle cime sempre innevate e sulle vette leggendarie: Tetnuldi, Laila e la complessa parete alpina dello Shkhara e naturalmente l’Ushba. Non la più alta, ma giustamente riconosciuta come la montagna più difficile del Caucaso. È avvolta da leggende e da un grande rispetto per ogni georgiano.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button