Wiki

Trekking con il cane

Trekking con il cane – escursioni in montagna con l’amico a quattro zampe

Un’escursione montagna è una grande avventura sia per il padrone che per il cane. Natura, aria fresca, l’odore della foresta e a volte anche una pausa presso un ruscello incantevole. Tutto sarebbe bello se non fosse per le limitazioni. Affinché sia il cane che il padrone possano godersi il trekking in montagna senza preoccupazioni, alcune considerazioni e preparazioni preventive sono utili prima che i proprietari di cani si mettano in viaggio con il loro amico a quattro zampe. Questo articolo vi darà un’idea di ciò che è necessario prendere in considerazione quando si fa il trekking con il cane.

escursioni con un doberman

Con un cane in montagna – come prepararsi e cosa portare?

Le escursioni in montagna sono una splendida opportunità per una vacanza attiva con un cane. Non c’è da stupirsi che molti scelgano questa soluzione. Ma come ci si prepara? Quali sono le cose da portare con sé? Di cosa ha veramente bisogno il nostro cane durante un trail?

La prima domanda che dovremmo porci è se il nostro cane è adatto alle escursioni in montagna. Non conta solo la volontà di camminare, ma anche la salute, la condizione generale e la gioia di superare gli ostacoli naturali. I cani più piccoli sono facili da prendere in caso di resistenza, portare quelli più grandi può essere un po’ scomodo.

In montagna bisogna essere preparati a tutto e allo stesso tempo da portare il meno possibile. Si noti che tutto dipende dal tipo di cane con cui si va e dove e in quale periodo dell’anno. Adattate il vostro equipaggiamento alla lunghezza e la durata del percorso, alle condizioni meteorologiche e al terreno. Di seguito vi indicherò le cose più importanti di cui avete bisogno.

Preparazione per un’escursione in montagna con il tuo amico a quattro zampe

Fare trekking con il cane non significa scegliere una destinazione qualsiasi e iniziare l’escursione. Richiede una certa preparazione. Prima di tutto, è necessario trovare dei percorsi escursionistici adatti. Questo dipende dal tuo e anche dalle condizioni del tuo cane. Dopotutto, fa una grande differenza se si fa un’escursione in pianura o in montagna. Controlla in anticipo quali alloggi vengono presi in considerazione. Dopo tutto, volete anche che il vostro cane sia il benvenuto. Questo punto merita molta attenzione, soprattutto se state pianificando delle escursioni di più giorni e avete bisogno di visitare diversi alloggi o rifugi.

All’inizio ha senso fare un’escursione con il vostro cane su un percorso facile. In questo modo può abituarsi a distanze più lunghe.

Ma affinché ciò avvenga, bisognerebbe conoscere il significato che ha per noi umani, non è vero? Se riesci a muoverti bene su rocce e detriti, anche in condizioni di bagnato, di solito hai un piede sicuro. Se invece inciampate spesso, vi storcete la caviglia o scivolate, avete un piede poco sicuro. Un buon passo sicuro deriva dall’equilibrio, dalla forza e dalla capacità di valutare bene il terreno.

Lo stesso vale per il cane durante il trekking. Il passo sicuro può anche essere allenato con il cane prima di un’escursione in montagna. Passeggiate nella foresta con equilibri su tronchi d’albero caduti, salti e giochi sui rami e su terreni accidentati, ma questo vale sia per i cani e propietari!

Quali escursioni sono adatte ai cani?

I proprietari di cani devono adattare le loro escursioni alle condizioni dei loro cani per non mettere in pericolo la loro salute. Inoltre, la pianificazione del tour richiede sempre un po’ di attenzione e sensibilità, perché i passaggi troppo stretti con rischio di caduta o anche le vie ferrate devono ovviamente essere evitati.

I sentieri ripidi e sassosi non sono un problema per molti cani. Naturalmente, le salite ripide sono altrettanto faticose per i cani quanto lo sono per gli escursionisti umani, ma sono fattibili. Inoltre, in estate le escursioni con passaggi ombreggiati e corsi d’acqua sono ideali per rinfrescarsi e bere.

Come preparo il mio cane per le escursioni più impegnativi?

Con lunghe passeggiate e brevi escursioni, i proprietari di cani ottengono rapidamente una prima impressione di quanto sia agile e in forma il proprio cane. Naturalmente, è importante non sovraccaricare il cane e, soprattutto all’inizio, fornire pause sufficienti con molta acqua. Anche il caldo dovrebbe essere evitato, se possibile, in modo che il cane che inizia a muoversi non sia sovraccaricato in misura eccessiva e malsana.

Passeggiate estese e brevi escursioni possono essere utilizzate per testare l’idoneità del cane per le escursioni. Per testare la compatibilità del cane per l’escursionismo, sono adatte passeggiate estese e brevi escursioni. Quindi, la durata delle escursioni con il tuo cane dipende da più fattori e di carattere individuale.

Cani da trekking – quale razze sono adatti per la montagna?

In realtà, si afferma che per fare trekking con il tuo cane, la razza del tuo cane dovrebbe avere una struttura fisica non troppo piccola. Un’altezza media delle spalle di 40 centimetri dovrebbe già essere indicativo. Dal punto di vista teoretico, qualsiasi razza è adatta al trekking, nonostante ciò, ce ne sono alcune che sono più adatte di altre.

Tra cui:

  • Cani da pastore
  • Cani da caccia
  • Labrador retriever
  • Huskies
  • Cane da montagna bernese
  • Border Collie
  • Setter irlandese o inglese
  • Retriever a pelo ripiegato
  • Pastore australiano
  • Barboncino
  • Pointer inglese
  • Doberman

Questa lista è solo esemplare. Dipende anche da quello che pensate che il vostro cane sia capace di fare e da come è condizionato.

Labrador adatto per fare trekking
anche i Labrador sono adatti pert fare escursioni in montagna

Quali caratteristiche deve avere il tuo cane per un’escursione in montagna?

Il prerequisito fondamentale per un’escursione con il tuo cane in montagna è una solida educazione del tuo amico a quattro zampe. Oltre alle basi come stare fermo è anche importante che il tuo cane sia pronto a essere richiamato in qualsiasi momento e ti ascolti. Questo include un comportamento sociale ben sviluppato e un basso istinto di caccia. Ricorda che non vuoi tenere il tuo cane al guinzaglio per tutto il tempo quando fai escursioni. Dovrebbe essere in grado di assorbire le impressioni dei dintorni a modo suo.

Tuttavia, è importante che tu tenga d’occhio il tuo cane e che ascolti sempre i tuoi comandi. Inoltre, il tuo cane deve avere un passaporto UE per animali domestici e una vaccinazione antirabbica valida in caso di soggiorno all’estero. Questo dovrebbe essere stato registrato almeno 30 giorni e un massimo di 12 mesi prima di un possibile soggiorno all’estero.

Escursioni in montagna con cani di piccola taglia

I cani piccoli a volte sembrano più attivi dei cani più grandi. Tuttavia, questo non significa che siano automaticamente adatti per un’escursione. Per esempio, Chihuahua, Westie, Bolognese non sono i partner ideali. Le dimensioni del loro corpo non sono progettate per gestire distanze più lunghe. Allo stesso modo, alcune razze di cani non sono adatte come partner per un’escursione a causa delle loro zampe.

Questi includono, per esempio, i bassotti. Anche i carlini o i bulldog non sono considerati idonei per le escursioni in montagna. A causa del loro naso corto, incontreranno prima o poi inevitabilmente problemi di respirazione.

bassotti non adatti per escursioni in montagna
Bassotti non sono adatti per fare trekking in montagna

Quanti anni deve avere un cane per fare escursioni in montagna?

In realtà, è ovvio che il tuo cane deve aver già raggiunto una certa età per le escursioni. Per una breve escursione, il tuo cane dovrebbe avere almeno nove mesi. Le passeggiate più lunghe non sono adatte ai cani fino all’età di dodici mesi. Questo è semplicemente perché le escursioni mettono a dura prova le articolazioni e le ossa. Pensate a quanto tempo il vostro cane può andare a spasso senza rimanere senza fiato o stanco.

Per i cani anziani, anche le passeggiate devono essere soppesate con attenzione. Possono mancare di resistenza o avere già delle debolezze fisiche che rendono impossibile un’escursione più lunga. I cani che sono già alle prese con problemi alla schiena o all’anca non dovrebbero necessariamente fare escursioni.

L’attrezzatura giusta per le escursioni in montagna con il tuo cane

Un’escursione in montagna non è paragonabile a una passeggiata più lunga. Mentre in una passeggiata si possono percorrere due o tre chilometri, un’escursione può comportare tappe da dieci a venti chilometri. Naturalmente, questo dipende dalla condizione di addestramento del tuo cane. Per una distanza così lunga, che deve essere allenata, avete bisogno di utensili diversi – indipendentemente dalle vostre disposizioni:

Optional:

  • Stivali o calzini per il tuo cane
  • Muso
  • Giacca antipioggia per il cane
  • Zaino per un cane
  • Spazzola o pettine

Medaglietta indentificativa personalizzata per il cane

In realtà, ogni cane dovrebbe averla indipendentemente dal fatto che si faccia un’escursione o meno. Grazie a questo c’è la possibilità che il vostro amico torni da voi quando qualcuno lo trova. È meglio che la medaglietta sia chiara ma visibile da lontano. I miei cani portano sempre una medaglietta di alluminio con incisione. Inoltre è stato inserito il numero di telefono, non si sa mai.

Documenti del cane

Documento sanitario con vaccinazioni e sverminazioni valide. A volte viene richiesto in alloggi o trasporti privati. Se hai intenzione di fare escursioni fuori dall’Italia. Tra le vaccinazioni obbligatorie per viaggiare con il tuo cane oltre i confini nazionali c’è la vaccinazione antirabbica. Con questa vaccinazione, potete portare il vostro cane praticamente dappertutto.

Guinzaglio

Il guinzaglio per cani deve essere più lungo, tale che il vostro cane possa camminare liberamente dietro o davanti a voi. Fate attenzione se riuscite a mantenere la distanza dal vostro animale domestico sulla massima estensione mentre fate un passo.

Ultimo aggiornamento 2021-04-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Ciotola da trekking e una piccola bottiglia d’acqua

Anche se c’è un lago o un ruscello sul sentiero, porta con te una ciotola da trekking e una bottiglia d’acqua. Il vostro cane, proprio come noi, ha costantemente bisogno di reintegrare i fluidi, soprattutto in estate.

Ultimo aggiornamento 2021-04-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Imbracatura per il cane – pettorina

L’imbracatura deve essere prima di tutto comoda e ben adattata al cane. Sono importanti come lo zaino da trekking per noi. Se non è comoda e stringe, il cane soffrirà o si rifiuterà fermamente di continuare a camminare. Dovrebbero anche permettere di tirare se necessario, il che sarà utile quando si va in salita. Una fodera morbida invece di una fettuccia rigida è sicuramente la scelta migliore.

Perché un’imbracatura e non un collare? Si può tranquillamente tirare con un’imbracatura. Il cane non soffoca. Se perde l’equilibrio sul sentiero e scivola un po’ più in basso, sarà sicuramente più facile tirarlo su con l’imbracatura che con il collare stesso.

Ultimo aggiornamento 2021-04-15 / Link di affiliazione / Immagini da Amazon Product Advertising API

Kit di pronto soccorso per cani

Per completare il kit di pronto soccorso completo per me o per i miei cani dovremmo prendere un sacco di cose ed è impossibile imballare tutta l’attrezzatura. Ecco perché porto con me solo quello di cui penso che i miei cani ne abbiano bisogno. Nel caso dei miei cani, non è davvero molto.

Un kit pronto soccorso per cani è di solito composta da:

  • Pinze per zecche e pinzette per rimuovere parassiti o schegge
  • Una mini-torcia per controllare le orecchie del cane alla ricerca di piccoli parassiti
  • Una lente d’ingrandimento per aiutarvi a vedere le schegge
  • Pettine e spazzola per pulci
  • Guanti usa e getta
  • Spray disinfettante per piccole ferite e pomata per ferite
  • Repellente per pulci
  • Grasso di mungitura o vaselina per le zampe del cane

Elenco degli elementi opzionali

  1. Giacca antipioggia o cappotitno impermeabile: evitare la pioggia in montagna può essere difficile, ma se ci proteggiamo possiamo anche pensare al nostro amico a quattro zampe. Una giacca antipioggia è utile per i cani che sono abituati. I cani amano l’acqua in qualsiasi forma, quindi per me per ora è un lusso inutile.
  2. Zaino per un cane: utile per le escursioni più grandi per alleggerire il carico sul proprietario. Sicuramente un pezzo di equipaggiamento che dovrebbe essere testato prima di un viaggio e usato solo quando ne avete effettivamente bisogno.
  3. Spazzola o pettine:  questa non è una cosa assolutamente necessaria, ma può essere molto utile. Ci sono momenti in cui il tuo cane si impiglia nel velcro da qualche parte sul sentiero e devi rimuoverlo rapidamente. Se sapete che il vostro animale domestico in una tale situazione può resistere a ulteriori escursioni, vale la pena di ottenere e salvare questo articolo come un must. Il piccolo pettine si adatta ovunque e pesa molto poco.
  4. Stivali o calzini per il tuo cane: da portare con sé se necessario, anche se il cane è abituato a camminare sull’asfalto o su altre superfici dure. In alcune montagne le rocce sono estremamente taglienti, le scarpe proteggeranno le zampe dai tagli. Le calze in caso di calli ridurranno al minimo il dolore quando si cammina. Assicurati che il tuo cane si abitui a indossarli prima di un viaggio.
  5. Muso: a volte le regole di ammissione lo richiedono. Alcuni parchi nazionali accettano cani sul loro territorio razze considerate pericolose solo con una museruola. Assicuratevi che il cane possa respirare liberamente al suo interno. Non comprate una museruola di nylon che limita l’apertura della bocca: è il modo in cui il vostro cane si raffredda.

Escursioni con il cane – che cibo portare per il cane durante il trekking?

Prima di mettersi con il cane sul percorso di trekking previsto, il vostro amico non deve riempirsi la pancia in anticipo. Quando ha finito il suo pasto mattutino, dategli un’altra ora circa per digerire. Con una pancia piena non si marcia bene, questo vale anche per i cani. In generale per un’escursione, il cibo secco è meglio di quello umido. Puoi riempire il cibo secco nelle solite quantità e darlo al tuo cane ai soliti orari nella ciotola pieghevole.

Anche in questo caso, il cane ha bisogno di una pausa prima di continuare. Un po’ di digestione è necessaria. Si può anche fare un piccolo spuntino durante questo tempo. Dopo circa un’ora si può continuare. Il cibo umido è adatto solo fino a un certo punto, perché una volta aperto un barattolo bisogna tenerlo al fresco per il resto del percorso. Se non hai una borsa frigo a portata di mano, non è consigliabile.

sosta in montagna cane
Consigliabile è solo cibo secco

Il periodo estivo significa anche molto caldo – a cosa bisogna fare attenzione?

Molte persone usano l’estate per andare in vacanza. Se state portando il vostro cane a fare una passeggiata, ci sono alcune cose che dovete tenere a mente in modo che la vostra vacanza estiva non si trasformi in un calvario per voi e il vostro cane. Iniziate i tour la mattina presto. Da un lato, la luce del sole non è così intensa. D’altra parte, il terreno su cui si muovono le zampe del vostro cane è ancora ragionevolmente fresco. Non tutti i percorsi si snodano lungo i sentieri forestali o i sentieri escursionistici. A volte una sezione del sentiero è asfaltata.

  1. Prova la temperatura del terreno con la tua mano. Se il terreno è troppo caldo o scotta, non è adatto al vostro cane.
  2. Utilizzare il periodo di mezzogiorno per pause prolungate. Assicuratevi un posto all’ombra o fermatevi in un posto dove i cani sono i benvenuti. Questo può essere coordinato abbastanza bene come parte del processo di pre-pianificazione. La pausa pranzo all’ombra offre il vantaggio che il tuo cane può mangiare una porzione del suo cibo lì in pace. Usate semplicemente il tempo per rilassarvi un po’. Il vostro cane può riposare un po’ sulla sua coperta.
  3. Se le temperature salgono già a 30 gradi nelle ore mattutine, bisogna evitare di sovraccaricare il cane in ogni caso. Altrimenti c’è il rischio di un colpo di calore. In questo caso, l’escursione finirà prima del previsto.

Se siete in giro con il vostro cane, prima o poi incontrerete un divieto

Il tuo cane come nemico giurato della flora e della fauna, anche quando è al guinzaglio, e qui cito la motivazione del divieto di animali a quattro zampe in alcuni parchi nazionali. La ragione del divieto di accesso agli amici a quattro zampe in alcuni parchi nazionali è che si suppone di spaventare la fauna selvatica. La presenza nel parco dell’uomo non lo fa più. Come Homo sapiens siamo, dopo tutto, completamente assimilati con il mondo animale, una battuta, giusto? Poi ci sono alcuni parchi nazionali che permettono l’accesso ai cani ma soltanto al guinzaglio. Nel Parco Nazionale del Gran Paradiso in Italia è anche vietato passare la notte con i cani in tende o roulotte.

Poi se volete fare trekking con il vostro cane in Nord America in questo caso incontrerete molti divieti. La conseguenza per il tuo beniamino: se hai molti parchi nazionali nella tua lista di viaggio, questo significa molte ore di attesa quotidiana in macchina. Un problema quasi insormontabile in estate, quando il caldo tormenta tutti! Soprattutto perché, per ragioni di sicurezza, probabilmente non vuoi aprire i finestrini dell’auto quando parti per un’escursione giornaliera. E poi non lascerei mai i miei cani in macchina, o si parte con i cani o non si parte per niente.

Consigli per le escursioni nei parchi nazionali con un cane:

  • Non buttare sacchetti pieni di escrementi del cane per il parco
  • Nei parchi nazionali di solito c’è il divieto con il cane di lasciare i sentieri
  • Tieni sempre il tuo cane al guinzaglio

Su quali montagne e parchi nazionali possiamo portare un cane?

Quelli dove il cane è il benvenuto. Quindi, prima di pianificare un’escursione, controllate prima se il regolamento del parco nazionale permette la presenza di animali domestici. In caso contrario, potete cercare sentieri al di fuori dei suoi confini. A volte sono molto attraenti.

Se le montagne si trovano al confine tra paesi diversi, ci assicura che il divieto si applichi su entrambi i lati.  All’inizio si scelgono percorsi più brevi e facili. Potrebbe essere utile avere una mappa turistica dove si possono controllare le differenze di altitudine del terreno. Inoltre, cerca di trovare su Internet le descrizioni del percorso scelto e le foto dei punti principali. È meglio assicurarsi in anticipo e di non essere sorpresi.

Quali rischi possono verificarsi durante un’escursione con un cane?

Coprire una distanza di 10 o 15 km può a prima vista non sembrare problematico. Tuttavia, ci sono dei rischi che possono rendere un’escursione con il tuo cane un vero guaio. Se viaggi da solo con il cane, informi un amico, la sua famiglia o conoscenti dei tuoi piani. Se sei in difficoltà, sapranno approssimativamente dove cercarti.

  • Soprattutto durante le escursioni in montagna, può succedere che il vostro cane rimanga senza fiato. Se devi portare il tuo cane per una parte del tempo perché è senza fiato, allora raggiungerai rapidamente i tuoi limiti fisici.
  • Fai attenzione al terreno e al percorso: i sentieri spesso sassosi comportano il rischio che il tuo cane si ferisca una zampa. Bisogna per questo essere preparati con delle bende.
  • Se non hai esperienza di fare trekking in montagna, evita i percorsi che passano per i pendii. Le escursioni sono di solito percorsi sconosciuti, non dovrebbero essere una sfida neanche per te. Altrimenti sarà logorante.
  • Sui percorsi meno frequentati, non fare affidamento solo su aiuti tecnici come il sistema di navigazione del tuo smartphone o orologio GPS. Un fallimento della tecnologia significa automaticamente una mancanza di orientamento. La buona vecchia mappa pieghevole offre un po’ di sicurezza in più.
  • Mucche in libertà: le mucche in libertà non bisogna in nessun caso sottovalutarli.! Se devi attraversare un prato dove ci sono mucche in libertà, non lasciare che il tuo cane scorrazzi liberamente. Mettetelo al guinzaglio e passate velocemente davanti alle mucche. Tuttavia, se vieni attaccato da una mucca, sguinzaglia il tuo cane e scappa. Non sottovalutate le mucche! Incidenti e persino morti si verificano regolarmente.

Dopo il trekking il cane deve recuperare le energie

Dovresti anche prenderti cura del benessere del tuo cane il giorno dopo il tour, perché non solo gli esseri umani possono avere muscoli doloranti. Dopo una breve passeggiata per sciogliere i muscoli, un massaggio rilassante può essere benefico per il tuo cane. Inoltre, questo rafforza il legame con voi, e alla fine, è semplicemente divertente coccolare il cane. Si può imparare come effettuare un tale massaggio rilassante per il proprio cane in seminari appositamente pubblicizzati. Basta chiedere al tuo veterinario o un fisioterapista per cani.

È consigliabile fare trekking con il cane?

Se siete disposti a spendere più tempo, soprattutto per vedere le bellezze naturali meno conosciute, a rallentare drasticamente la vostra velocità di marcia, a rinunciare alle visite prolungate ai parchi nazionali di certi paesi, a limitare le visite alle grandi città, ad adattarvi al fatto che qui tutto richiede più tempo ed è di solito più complicato, il trekking con un cane è altamente consigliabile.

E se il percorso è troppo difficile per il tuo cane? Dobbiamo tenerne conto. Non tutti i cani sono nati escursionisti. Alcuni, come noi, possono preferire altri modi di passare il loro tempo. Se il tuo cane si rifiuta fermamente di continuare il percorso o se vedi che sta diventando sempre più difficile, dovresti lasciarlo andare. Non lo tiriamo con la forza. È meglio scendere e cercare un’altra soluzione, che sarà adatta a tutti. Dopo tutto, il punto è che tutti dovrebbero godersi il viaggio.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button