Wiki

Come prevenire le vesciche durante il trekking in montagna

PREVENIRE E CURARE LE VESCICHE DURANTE LE ESCURSIONI E IL TREKKING IN MONTAGNA

Una lesione apparentemente insignificante, che può avere gravi ripercussioni in tempi molto brevi: A causa di dolorose vesciche, la gita di un giorno, il trekking o il pellegrinaggio si sono interrotti molto prima del previsto. A seconda della zona del piede, possono essere estremamente sgradevoli, e chiunque abbia mai provato a percorrere distanze più lunghe con una vescica sotto il piede sa quanto sia necessario avere un certo autocontrollo.

Probabilmente non c’è nessun escursionista che non abbia mai avuto una vescica sotto il piede, eppure non è così difficile evitare lo sviluppo di vesciche. Gli scarponi da trekking di alta qualità e ben adattati giocano un ruolo importante in questo, ma non sono certo l’unico!

In questo articolo scoprirete come evitare le vesciche e cosa potete fare se, nonostante tutte le precauzioni che si possono prendere, si dovessero sviluppare sul vostro piede.

Le scarpe da trekking adatte

Il prerequisito fondamentale per un’escursione senza vesciche è ovviamente l’uso degli scarponi giusti. Da un lato, questo significa che i vostri scarponi da trekking devono adattarsi correttamente, non devono essere né troppo grandi né troppo piccoli e non devono sfregare o premere da nessuna parte. Cosa rende uno scarpone da trekking correttamente adattato e molti consigli per l’acquisto di scarponi da trekking si possono trovare in questo articolo.

Ciò significa anche che la scarpa da trekking deve adattarsi al meglio al percorso e alle condizioni esterne. Mettere una scarpa di pelle spessa con una membrana in Gore-Tex durante una leggera escursione estiva, per esempio, fa sudare inutilmente i piedi e quindi favorisce la formazione di vesciche. In questo caso si dovrebbe piuttosto utilizzare scarpe multifunzione più leggere.

Le opinioni possono essere divise sul senso e l’insensatezza delle membrane impermeabili come il GoreTex. Il fatto è che il ricambio d’aria non funziona così bene come pubblicizzato. Ad esempio, è necessario un gradiente di temperatura per trasportare il sudore dall’interno all’esterno attraverso la membrana, il che significa che il Gore-Tex può essere traspirante solo a basse e medie temperature esterne. Quindi, soprattutto quando si cammina con temperature più calde, può fare una grande differenza utilizzare scarponi da trekking senza membrana impermeabile, soprattutto se si tende a sudare i piedi.

Una volta che avete trovato gli scarponi giusti, dovreste portarli a casa prima di fare tour più lunghi. Questo vale soprattutto per le scarpe in pelle, che devono prima adattarsi al piede e ai movimenti. Inoltre, la corretta allacciatura delle scarpe può essere fondamentale e ci sono alcuni trucchi che si possono usare per migliorare ulteriormente la calzata delle scarpe.

Le calze da trekking più appropriate

Le calze da trekking dovrebbero essere aderenti come una seconda pelle sui piedi. Questo impedisce loro di raggrinzirsi e di agire come un elemento scatenante per le vesciche. In questo modo si evita anche l’attrito tra piede e calza, bensì tra scarpa e calza.

Un’altra funzione delle calze da trekking è il trasporto dell’umidità. Essi possono assorbire il sudore dei piedi e rilasciarlo all’esterno. Lì l’umidità viene poi idealmente trasferita dal materiale della scarpa all’ambiente circostante. Proprietà che sono molto ben eveidente dalla pregiata lana merino. Inoltre, la sua natura antibatterica naturale riduce la formazione di odori. Tuttavia, esistono anche modelli realizzati con materiali sintetici che hanno proprietà simili. Gli odori, però, non vengono poi evitati.

Un’altra possibilità per ridurre al minimo la formazione di vesciche è l’uso di calze a doppio strato. L’attrito avviene quindi tra i singoli strati di calze.

Che cosa è utile contro le vesciche? Provvedimenti urgenti e trattamento delle vesciche

Protezione con cerotto per blister e vesciche

Se si è sviluppata una vescica sul piede, la preoccupazione principale è quella di proteggerla da ulteriori fattori e di ammortizzare il più possibile la zona di sfregamento. Tutte queste funzioni sono svolte al meglio da un cerotto per blister convenzionale. Il suo cuscino in gel integrato impedisce ulteriori sfregamenti e allontana la dolorosa pressione sulla pelle ferita. Promuove anche la guarigione fornendo un ambiente umido per la ferita.

Una volta applicato, l’intonaco per blister deve rimanere attaccato al blister fino a quando non si stacca da solo. Questo può richiedere fino a diversi giorni. Se il cerotto si attacca alle calze e non regge più correttamente, può essere fissato anche con del nastro adesivo.

Prima di applicare il cerotto per blister, assicurarsi che la zona sia il più possibile pulita. È meglio riscaldare il cerotto per vesciche prima di applicarlo, in modo che la colla si attacchi meglio e il cerotto sia più flessibile. Quando si attacca il cerotto, è necessario assicurarsi che il cerotto sia il più possibile privo di rughe e che lo si prema con forza in posizione. A proposito, i cerotti per vesciche sono disponibili in diverse dimensioni e forme. Vale sempre la pena avere con sé una selezione, perché non è sempre possibile tagliarli a misura.

Purtroppo i cerotti per vesciche di alta qualità non sono del tutto economici, ma una delle cose in cui è davvero conveniente utilizzare prodotti di marca.

Arieggiare e asciugare regolarmente i piedi e le scarpe 

Questa è la misura più importante per prevenire la comparsa di vesciche durante le escursioni. Fate delle pause regolari e fatelo nel modo giusto! Questo significa togliersi scarpe, calze, piedi e lasciare che tutti e tre si asciughino all’aria il più possibile. Per le scarpe da trekking, dovreste togliere i plantari e allentare un po’ l’allacciatura se necessario. Dovresti girare le calze al contrario e stenderle su una pietra al sole o appenderle al vento su un ramo. E se fate qualche esercizio di ginnastica con i piedi, li raffreddate in un ruscello freddo o camminate attraverso l’erba fresca, non solo eviterete vesciche, ma anche lesioni e sovraccarico.

Applicazione dell’olio dell’albero del tè

Applicazione dell’olio dell’albero del tè:
L’olio dell’albero del tè ha un effetto antibatterico e contemporaneamente asciuga la vescica (chiusa). Il Tè Tree Oil può essere mescolato con acqua tiepida in un rapporto di 1:3 (Tea Tree Oil:Acqua) e tenuto sulla vescica con un batuffolo di cotone per un tempo compreso tra 10 e 15 minuti. È meglio usarlo prima di applicare un cerotto per vesciche. L’olio dell’albero del tè è disponibile in farmacia e online su Amazon.

Dai ascolto ai primi segni

I primi segni di una vescica di solito si manifestano prima della sua formazione finale. Se sentite un primo pizzico, una puntura o una pressione nelle scarpe, fate una pausa, arieggiate le scarpe come i piedi e cercate la causa. Forse è solo una ruga nella calza che ha bisogno di essere raddrizzata. O una piccola pietra che preme sotto la suola.

Cercate di cambiare la situazione direttamente e non solo quando è già troppo tardi.

Bucare le versciche sui piedi sì o no?

Nella maggior parte dei casi non è utile bucare le versciche. Questo perché la pelle ricurva e il liquido sottostante proteggono lo strato cutaneo danneggiato dalle infezioni. Una puntura aumenta il rischio di formazione di un’infiammazione nella ferita. Le piccole vesciche vengono quindi trattate semplicemente con un cerotto per vesciche.

Tuttavia, grandi vesciche sulla superficie della pelle, che sono sotto forte pressione, in alcuni casi possono essere bucate. In questo modo il fluido può defluire e la pressione può essere ridotta. La puntura viene effettuata con un ago disinfettato, nella migliore delle ipotesi sulla superficie della vescica. Il liquido viene poi fatto defluire e la zona della vescica viene lasciata asciugare.

Attenzione: non rimuovere la pelle sopra la vescica! Altrimenti la ferita aperta comporta un rischio di infezione molto elevato!

Il processo di guarigione

Una vescica che non si sforza ulteriormente guarisce relativamente rapidamente a seconda della zona nel giro di pochi giorni. Se la pelle continua ad essere irritata, cosa che non può essere evitata in tour di diversi giorni, il processo di guarigione può naturalmente essere duraturo.

Se la vescica è molto grande, non guarisce o mostra segni di infiammazione come il pus, si raccomanda una visita dal medico.

Articoli correlati

Guarda anche
Close
Back to top button